Dsa

Psicoterapia familiare
maggio 15, 2018
Potenziamento cognitivo
maggio 15, 2018
Il termine DSA ovvero Disturbi Specifici Dell’Apprendimento, si tratta di disturbi che coinvolgono uno specifico dominio di abilità, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Essi infatti interessano le competenze strumentali degli apprendimenti scolastici.

Si posono distinguere quattro difficoltà di apprendimento:

• Dislessia: riguarda la capacità di rendere automatico il processo di lettura per cui il bambino/a, dislessico appare molto lento e/o non corretto nella lettura questo può di conseguenza rendere anche faticosa la comprensione del testo;
• Disgrafia: cioè la difficoltà ad imparare le regole della scrittura con frequenti e ripetuti errori fonologici (confusione tra suoni simili,inversioni, etc) e ortografici (difficoltà a memorizzare le regole di conversione dalla lingua parlata in lingua scritta);
• Disortografia: quando il tratto grafico (la calligrafia) risultano scorretti e poco chiari;
• Discalculia: cioè difficoltà specifica nei processi matematici (ad es. nelle procedure di calcolo) o nelle conoscenze numeriche (quantificazione, strategie di calcolo mentale, seriazione, etc..) di conseguenza il bambino è molto lento e fa fatica a svolgere tutti quei compiti che richiedono operazioni con i numeri.

Diagnosi: quando e dove effettuarla
La diagnosi precoce ed accurata consente, unitamente ad interventi di trattamento e potenziamento delle difficoltà del bambino di favorirne il percorso scolastico attraverso un attento supporto allo studio e sul piano psicologico. Alla diagnosi di DSA così come di disturbi non specifici dell’apprendimento sia possono associare altre difficoltà di attenzione, memoria e funzioni esecutive. Tale quadro rende importante un intervento specialistico mirato e costante ed una valutazione accurata. La diagnosi di DSA avviene in una fase successiva all’inizio del processo di apprendimento scolastico. È necessario infatti che sia terminato il normale percorso di insegnamento delle abilità di lettura e scrittura (fine della seconda primaria) e di calcolo (fine della terza primaria), tuttavia se si hanno dubbi è utile rivolgersi comunque allo specialista che può verificare attraverso test mirati preliminari la potenziale presenza di difficoltà di apprendimento.
La diagnosi può essere effettuata da specialisti esperti attraverso la somministrazione di test specifici ed è possibili rivolgersi alla propria ASL di appartenenza (Servizio di Neuropsichiatria Infantile o Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile o di Neuropsicologia), oppure a specialisti che svolgono privatamente la libera professione purchè l’equipe (psicologo, neuropsichiatra e logopedista) sia riconosciuta dalla ASL della Regione Lombardia (si noti che vi sono delle differenze rispetto alle certificazioni nelle diverse regioni) e quindi autorizzata alla certificazione valida ai fini scolastici secondo quanto previsto dalla Legge 170/2010. È importante premettere che i DSA sono disturbi delle abilità di lettura, scrittura e calcolo in condizioni di intelligenza ritenuta nella norma, pertanto la valutazione comprende test su questi specifici domini, ma sarebbe buona norma effettuare uno valutazione neuropsicologica anche sul altre abilità cognitive per evidenziare difficoltà ulteriori e/o punti di forza del bambino.

Trattamento
Lo psicologo a seguito di una attenta valutazione può strutturare un trattamento volto ad aumentare l’efficienza del processo alterato, ma anche a fornire strumenti di compensazione e strategie efficaci. L’aiuto dello specialista da un lato e della famiglia dall’ altro anche attraverso un sistema di apprendimento alternativo sono importanti per aiutare il bambino a sviluppare al massimo le sue capacità e quindi aumentare il senso di efficacia. L’approcio neuropsicologico costituisce un efficace strumento per il potenziamento delle abilità nei Disturbi Specifici dell’Apprendimento.

Diritti a scuola
La legge 170/2010 ha reso obbligatoria la stesura del PDP- Piano Didattico Personalizzato in caso di diagnosi di Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA). Tale documento viene redatto dal consiglio di classe con cui si personalizza la didattica dello studente e nel quel possono e devono essere previsti strumenti compensativi e/o misure dispensative. L’utilizzo di tali strumenti costituisce un diritto per quei bambini con certificata diagnosi di DSA. Il PDP si pone come uno strumento flessibile e quindi rivalutabile nel corso dell’anno scolastico.